fbpx

Il tuo impianto elettrico domestico è a norma? Scoprilo subito: ecco gli 8 requisiti minimi che deve avere.

Leggendo questo articolo capirai se il tuo impianto possiede i requisiti fondamentali. Se non li conosci rischi che si verifichino spiacevoli incidenti (es. cortocircuito, incendio…).

Ciao, sono Vittorio Fontana di Fontana & Ruffin Srl e faccio manutenzione di impianti elettrici a Vicenza dal 1974.

Purtroppo sono in tanti che sottovalutano le condizioni del proprio impianto elettrico. 

“Perché dovrei farlo controllare se funziona?”.

Ecco una domanda che sento spesso. 

Ogni anno avvengono innumerevoli incidenti causati da un “malfunzionamento” dell’impianto elettrico, quali incendi e cortocircuiti. Nei casi peggiori provocano anche delle vittime.

Per prevenirli sarebbe bastato assicurarsi di avere l’impianto a norma, semplice accertamento che può davvero salvare la vita a te e ai tuoi cari.

In questo articolo ho raccolto gli 8 requisiti essenziali che deve avere il tuo impianto, perché sono convinto che la sicurezza sia importantissima.

Verifica che il tuo impianto domestico rispetti gli standard qualitativi corretti grazie a questi 8 requisiti fondamentali

Se il tuo impianto elettrico è vecchio o non è a norma possono verificarsi diversi incidenti, quali incendio e cortocircuito. 

Ecco gli 8 requisiti:

#1. Deve avere il salvavita o differenziale.

Ti assicuro che non è scontato, specialmente se l’impianto è datato e l’abitazione è relativamente vecchia.

#2. Le prese e gli interruttori devono avere gli alveoli protetti.

Significa che le placche e i supporti devono essere in plastica e non in metallo.

Se il tuo edificio è datato è molto facile che le placche siano ancora in metallo (e vanno sostituite quanto prima).

#3. I cavi e i fili devono essere antifiamma.

Anche in questo caso se il tuo edificio non è di recente costruzione (o ristrutturazione totale) è verosimile che i cavi e i fili non siano antifiamma.

⇒ Rischio di incendio elevato!

#4. Deve esserci la sezione dei cavi, il circuito luce e il circuito FM.

Tra tutti questo è forse l’aspetto più tecnico e difficile da verificare senza competenze.

Ad ogni modo il circuito luce deve avere un diametro minimo di 1,5mm2, mentre il circuito Fm 2,5mm2.

#5. Deve essere presente la messa a terra.

Tante persone sono convinte di avere la messa a terra, eppure è una certezza spesso ingannevole.

#6. Devono esserci le giunzioni sulle scatole di derivazione.

Se è presente il nastro è un problema, perché aumentano i rischi di malfunzionamento. 

Serve infatti che siano presenti i morsetti.

#7. Se il tuo appartamento è in un condominio deve esserci una protezione singola nel contatore di ogni appartamento.

Se il tuo contatore non ha una protezione individuale corri il rischio che il cortocircuito si verifichi in tutto il condominio (magari non a causa tua, ma di un altro appartamento).

#8. Se c’è un’autorimessa o una cantina deve essere presente un interruttore di protezione a parte che esula dall’appartamento.

Non basta che vi sia una protezione nel contatore dell’appartamento, ma è fondamentale che ne sia presente un’altra nella cantina o autorimessa (se ci sono).

⇒ ATTENZIONE! Non sottovalutare questi 8 requisiti, perché potresti davvero mettere a rischio la tua sicurezza.

Ci sono tutti? Bene, allora sei a posto (un controllo lo farei comunque per sicurezza).

Non ci sono tutti o non sei sicuro di alcuni? Non rischiare, fai fare subito un controllo da un professionista.

Dopo averli letti potresti pensare “D’accordo, ho capito che forse dovrei fare un controllo al mio impianto. Ma ora a chi mi rivolgo?”.

Per trovare l’azienda adatta io punterei su due elementi: qualità e professionalità.

Puoi sempre scegliere di rivolgerti alla persona che offre il servizio più economico, ma tieni presente che può nascondere diverse insidie e rivelarsi tutt’altro che “economico” (subentrano problemi, interventi extra costosi, errori, etc.).

Rivolgiti sempre a persone certificate che possono garantirti (sulla carta, non a parole) un lavoro professionale.

Ho creato il servizio Impianto Sicuro proprio per garantire ai miei clienti standard qualitativi altissimi.

Vuoi sapere cos’è? Allora prosegui nella lettura.

Se vuoi che la manutenzione del tuo impianto elettrico sia svolta a regola d’arte devi affidarti a un’azienda strutturata: scopri tutti i vantaggi del servizio Impianto Sicuro.

Impianto Sicuro è il servizio pensato per tutte le persone che vogliono mettere a norma l’impianto elettrico con una garanzia in più.

⇒ La QUALITÁ.

Mi rendo conto che rifare l’impianto può sembrarti un’impresa molto fastidiosa (mi sporcano la casa, mi danneggiano i mobili, mi tolgono la corrente al frigo, etc.).

Per questo ho deciso di offrirti un servizio che risolve tutti questi problemi e ti assicura precisione e professionalità.

Ecco alcuni dei vantaggi che otterrai:

  1. Preventivo dettagliato senza costi nascosti o sorprese in fattura.
  2. Tempi sicuri al 100%.
  3. Assistenza su ogni tuo dubbio prima, durante e dopo l’intervento.
  4. Adeguate misure di protezione per i tuoi mobili.
  5. Personale qualificato.
  6. Certificazioni a prova delle nostre competenze.
  7. Certezza di avere un impianto a norma.

Perché ci tengo a sottolinearlo, Fontana & Ruffin punta sulla qualità e la professionalità, garantendoti i massimi standard presenti sul mercato.


Richiedi un sopralluogo per Impianto Sicuro =>> CLICCA QUI.

Alla tua sicurezza,

Vittorio Fontana di Fontana & Ruffin Srl,

Impianti elettrici dal 1974.

Lascia un commento